I Ransomware sono costantemente in primo piano tra le principali minacce alla sicurezza informatica, quelli già noti evolvono mentre le forme più recenti – come ad esempio Maze – non solo cifrano i dati ed interrompono la continuità operativa dell’organizzazione colpita, ma causano anche gravi fughe di dati riservati. Vi invitiamo a scoprire in che modo è possibile mitigare i rischi e contenere i danni associati agli attacchi ransomware implementando una strategia PAM (Privileged Account Management) appropriata: la soluzione CyberArk consente di agire efficacemente sui rischi ed i danni relativi al Ransomware implementando un approccio basato sull’assegnazione di privilegi minimi e sulla protezione dalla compromissione delle credenziali. Questi sono alcuni dei principali vettori d’attacco e spesso rappresentano il primo bersaglio del Ransomware.

Se a queste aggiungiamo l’efficacia della rotazione automatizzata delle credenziali e l’isolamento delle sessioni utente per bloccare i movimenti laterali o verticali per prevenire la diffusione dell’attacco arriviamo a traguardare un elevato livello di protezione.

Link ai contenuti: